Carlo Goldoni
Il cavaliere giocondo

ATTO TERZO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Lisaura, poi don Alessandro.

 

LIS.

Parte, sola mi lascia, e non mi dice nulla.

È vero ch'io non sono sì timida fanciulla;

Ma il Cavalier, se torna e trovami soletta?

Anch'io saprò narrargli qualch'altra favoletta.

ALES.

Bellissima Lisaura.

LIS.

Oh mio signor, chi vedo?

ALES.

Voi siete qui?

LIS.

Ci sono.

ALES.

Sogno? veglio? o travedo?

LIS.

signore, son io; mi avete ritrovata

Alfin, dopo tre anni che mi avete piantata.

ALES.

Bella, vi chiedo scusa. Confesso il proprio errore:

Noi padroni non siamo talor del nostro cuore.

Veduto ho una bellezza che m'ha colpito il seno:

D'amarla e di seguirla non potei far a meno.

LIS.

Questa, don Alessandro, questa è un'azione indegna.

Badar colle fanciulle dee l'uom come s'impegna.

Orfana er'io di padre, voi, per crudel destino...

ALES.

Ditemi, pellegrina, avete il pellegrino?

LIS.

Sì, traditor; finora seguiti ho i passi suoi,

Per non tornar a casa, per rintracciar di voi.

ALES.

Siete sposa?

LIS.

Nol sono, senza licenza vostra.

ALES.

Vi sposerete subito alla presenza nostra.

LIS.

A me più non pensate?

ALES.

Seguo un'altra signora.

LIS.

E vi siete scordato...

ALES.

Me lo ricordo ancora.

LIS.

E soffrirete adunque lasciarmi in abbandono?

ALES.

Vorrei e non vorrei... impegnato ora sono.

Servo una viaggiatrice sofistica, impaziente.

Voi foste, per dir vero, graziosa, sofferente.

Basta, risolverò.

LIS.

Sentite, ho da informarvi...

ALES.

La signora m'aspetta; tornerò ad ascoltarvi.

LIS.

Una parola almeno...

ALES.

Per ora non si può.

Madama mi strapazza, se presto a lei non vo'.

LIS.

E voi siete sì buono a tollerar tal pena?

ALES.

Ah, chi sa ch'io non torni alla prima catena?

LIS.

Or che l'ho rinvenuto, non mi tradir, destino.

Sua sarò, se mi vuole, e lascio il pellegrino.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License