Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO SECONDO

Scena Ottava. Lorenzino, e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Lorenzino, e dette

 

Lorenzino: (sdegnato) Grazie, siora zermana.

Checca: Andè via de qua.

Lorenzino: Farme star a giazzar, e a tirar el collo, e suspirar fin adesso.

Checca: Andè via de qua, ve digo.

Rosina: Voleu che fassa dei precipizj?

Meneghina: Dove seu sta a tirar el collo?

Lorenzino: De in tinelo, per vederve al balcon, e vu gieri qua.

Meneghina: Grazie, siora Checca, de la finezza, che la m'ha fatto.

Checca: Cara ela, ho preteso de farghe una burla.

Rosina: Se no vegniva so cugnada, la burla sarave andada pulito.

Lorenzino: Mi no vago via certo.

Checca: Andè via, ve digo.

Lorenzino: No posso.

Meneghina: Poverazzo, nol pòl.

Rosina: Se el va zo de la scala, el la incontra.

Checca: Mi so stada una matta. Ma de sti casi no me ne succederà più. Andè de dove che stà fin'adesso.

Lorenzino: Siora sì; cara ela, la prego, per carità, no la lassa andar via, se no ghe digo do parole. Cara Meneghina, se me volè ben, aspettème. (a Rosina) Cara zermanetta, me raccomando anca a vu, fia mia. (a Meneghina) Cara zoggia!

Meneghina: (si asciuga gli occhi) Poverazzo!

Checca: Andeu via, ve digo.

Lorenzino: Vago, vago. Siestu benedetta. (parte)

Meneghina: (Caro colù. Oh no vago via adesso. Mia cugnada vien sola, l'anderà via anca sola. Son proprio consolada.)

Rosina: ( a Meneghina) Caspita, ve volè ben, patroni!

Checca: Son tanto pentìa, se savessi... Vèla qua per diana.

Meneghina: Vèla qua la principessa.

Rosina: Principessa la ghe dise?

Meneghina: No la vede, che boccon de prosopopea!

Rosina: Oh che cara siora Meneghina!

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License