Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO TERZO

Scena Nona. Lucietta, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Lucietta, e detti

 

Lucietta: (di dentro) Lustrissimo!

Anzoletto: Vegnì qua mo.

Lucietta: (di dentro) La servo.

Cecilia: ben che vegna vostra sorela con mi; prima perchè sior Cristofolo no me cognosse, nol m'ha visto; e po anca ela farà la so parte. Lassè pur far a mi, ghe insegnerò ben in barca quel che l'ha da dir.

Anzoletto: Dove mia sorela?

Lucietta: (confondendosi) No so.

Cecilia: Come no so?

Lucietta: (Come sopra) No dasseno.

Anzoletto: Anemo, vòi saver dove che la .

Lucietta: Ghe lo dirò, lustrissimo; ma no la diga gnente, che ghe l'abbia ditto mi.

Anzoletto: No, no, no dirà gnente.

Cecilia: Sentimo sta bella novità.

Lucietta: La da ste lustrissime sora de nu.

Cecilia: Cossa xèla andada a far?

Anzoletto: Xèla andada fursi a contarghe tutto?

Lucietta: Che dirà mi; ma, cara ela, no la diga gnente.

Anzoletto: Via, non parlo.

Lucietta: Sala chi ghe qua de sora?

Cecilia: Che sarà quel sporco de Lorenzin.

Lucietta: E se gh'intende. Ma ghe un altro.

Anzoletto: Chi xèlo?

Lucietta: Sior Cristofolo.

Anzoletto: Mio barba?

Cecilia: Qua de suso ghe so barba?

Lucietta: Lustrissima sì; ma zitto.

Cecilia: (ad Anzoletto) Anemo, vegnì con mi.

Anzoletto: Dove?

Cecilia: Vegnì con mi, ve digo.

Anzoletto: Mi no ghe voggio vegnir.

Cecilia: Vegnì, sior pampalugo, e vederè chi vostra muggier. (lo prende per un braccio e lo conduce via)

Lucietta: Za che l'ho fatta, me la voggio goder. Voggio andar anca mi. (parte.)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License