Carlo Goldoni
La casa nova

ATTO TERZO

Scena Quattordicesima. Anzoletto, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Anzoletto, e detti

 

Anzoletto: Sior barba, no gh'ho coraggio de comparirghe davanti.

Cristofolo: Ale curte. Una nota dei vostri debiti. Una cession a mi dei vostri beni. Una resoluzion de far ben; e vostro barba, sior omo ingrato, gh'averà per vu quelle viscere de pietà, ché no meritè, ma che me suggerisse el mio cuor.

Anzoletto: Ghe prometto, ghe zuro, no me slontanerò dai so conseggi, dai so voleri.

Cristofolo: Pagherò mi el fitto de la casa nova, che avevi tolto; ma licenziela, che no la casa per vu.

Cecilia: Caro sior barba, el ne daga una cameretta in casa con elo.

Cristofolo: Mi no gh'ho logo.

Cecilia: Caro elo, almanco fin che se provedemo.

Cristofolo: Eh galiota, la savè longa. Vegnì in casa, ma de quei abiti no ghe ne voggio. Civiltà, pulizia, sior sì, ma con modestia: e arecordeve ben, sora tutto, serventi in casa mia no ghe n'ha da vegnir.

Cecilia: Oh, che protesto, che i m'ha tanto stomegà quei che vegniva da mi, che no ghpericolo che me lassa più burlar da nissun.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License