Carlo Goldoni
La cascina

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA   Costanzo solo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Costanzo solo.

 

 

Pippo, ti compatisco.

So quanto può nel petto

Di ogni misero amante un dolce affetto.

Giunse l’amor crudele,

Giunse a far, non so come,

Ch’io cambiassi, infelice, e spoglie, e nome.

Soffro la servitù, soffro la vita

Rustica, vile, abietta,

Per Lavinia diletta, — e per vederla,

E per esser vicino al bel che adoro,

Scordo la patria ed il natio decoro.

 

Care selve, piagge amate,

Deh svelate — all’idol mio

Quell’amor, — quel duolo rio,

Che celato ho nel mio cor.

No, tacete ancor per poco

Il mio foco, — i desir miei.

Destar pria si vegga in lei

La pietà, se non l’amor. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License