Carlo Goldoni
Il cavaliere di spirito

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA   Don Claudio solo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Don Claudio solo.

 

 

Reggere un fier leone può l'uom sagace, esperto,

Anzi che il cuor di donna volubile ed incerto.

Qual arte non usai per vincer la crudele?

Di me chi più costante, di me chi più fedele?

E alfin la disumana ad ingannar sol usa,

Condanna il mio rispetto, e di viltà mi accusa.

Tento cangiar lo stile, ma spero invan mercede,

Spero conforto invano da un'alma senza fede.

Sì, senza fede, ingrata tu sei, lo scorgo adesso,

Se inganni, se deludi per fin lo sposo istesso.

Egli a sudar fra l'armi va cogli eventi incerti,

Tu con novelli oggetti ti spassi e ti diverti.

Questo pensier funesto del tuo temperamento,

Coi danni del rivale minora il mio tormento;

Che se prepari ad esso con tue menzogne un duolo,

Son misero e dolente, ma almen non sarò solo.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License