Carlo Goldoni
Il conte Chicchera

ATTO TERZO

SCENA QUARTA Cavallina e Fabrizio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA


Cavallina e Fabrizio


FABR.

Cavallina, che dite?

Dalla padrona vostra

Posso sperare amor?

CAV.

Io non ci vedo

Certa difficoltà. Voi siete libero,

Libera è la padrona.

Io crederei di sì.

FABR.

Quando crediamo noi verrà quel ?

CAV.

Oh questo, signor mio,

Non lo sapete voi, né lo so io.

FABR.

Viver così non posso.

Parmi d’avere addosso

Centomila demoni; ogni momento

Per lei tremo e pavento. In questa guisa

Vivere più non so;

Un belvuò sentire, od un bel no.


Di Tantalo le pene

Non voglio più soffrir.

Il sospirare un bene

È cosa da morir.

Di sì se mi dirà,

Contento il cor sarà.

Se mi dirà di no,

Mi spiacerà moltissimo,

Ma poi mi quieterò. (parte)





Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License