Carlo Goldoni
La conversazione

ATTO TERZO

SCENA QUARTA   Madama, poi Don Fabio e Sandrino, vestiti da Calabresi, col calascione.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Madama, poi Don Fabio e Sandrino, vestiti da Calabresi, col calascione.

 

MAD.

Parmi, se non m'inganno,

Che quei due che qui vengono,

Sian don Fabio e Sandrino mascherati.

Voglio veder se è vero,

Vuò veder se s'inganna il mio pensiero. (si ritira)

(Don Fabio e Sandrino cantano la carcioffola):

 

«La notte quanno dormo penzo tanto,

E quanno penzo a buie, mm'addormento.

Po me resveglio co no core schianto,

Vado ppe tte parlare, e non te siento.

Carcioffolà.

Nenna, se te vedisse allo balcone,

Te faria na sonata alleramente;

Faccio no core com'a no pormone,

Quanno siento parlà de tte la gente.

Carcioffolà.

Bello canto se potisse

La mia bella innamorà,

Co lo tuppe tappettà.

Nannianella e nanianà.

Chichirichi, carcioffolà. (partono)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License