Carlo Goldoni
De gustibus non est disputandum

ATTO SECONDO

SCENA TERZA   Artimisia e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Artimisia e detti.

 

ART.

Olà, fermate.

PACC.

Ma perché?

ROS.

Poverino!

Deh lasciate ch'ei beva

Questo caffè di zucchero ripieno.

ART.

Non signore.

PACC.

Perché?

ART.

Perché è veleno.

PACC.

Veleno?

ROS.

(Oimè, che dite?) (piano ad Artimisia)

ART.

(State zitta; ridete, e non partite). (piano a Rosalba)

PACC.

Qual tradimento è questo?

ART.

Tal periglio funesto

Per cagione del merto a voi sovrasta.

Ho scoperto l'arcano, e tanto basta.

PACC.

Chi vuolmi avvelenar?

ART.

Tutti.

PACC.

Ma come?

ART.

L'amor, la stima che ho per voi nel petto,

Tutti accese d'invidia e di dispetto.

A comperar veleni

So che taluno è stato,

E voi temer dovete

Tutto quel che mangiate e che bevete.

PACC.

Dunque me n'anderò.

ART.

Mi maraviglio.

Voi dovete restar.

PACC.

Ma se mi vogliono

Avvelenar?

ART.

Difendervi potete.

Basta che non mangiate e non bevete.

PACC.

Mangiare o non mangiar per me è tutt'uno;

Morirò avvelenato ovver digiuno.

Voglio di qua partir.

ART.

Tutte le porte

Chiuse voi troverete;

Senza licenza mia non partirete.

PACC.

Deh, Rosalba gentile,

Parlate in mio favore.

ROS.

Io non m'imbroglio.

PACC.

Deh, lasciate ch'io parta.

ART.

No, non voglio.

PACC.

Maledetto il momento

Ch'io son venuto qui! Muoio di fame,

Non posso satollarmi,

E poi vogliono ancora avvelenarmi?

Se morto mi volete,

Pacchione creperà;

Ma ammazzatelo presto, in carità.

 

Donne crudeli e perfide,

Donne spietàte e barbare,

Toglietemi d'impaccio,

Deh fatemi crepar.

Con una spada ziff,

Con un coltello zaff.

O con un laccio ih!

O con un maglio ah!

Ma nel mio seno

Non vuò veleno;

Ma l'astinenza,

Ma l'appetenza

Mi fa tremar.

Crudeli e perfide,

Spietate e barbare,

Di mal di stomaco

Non vuò crepar. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License