Carlo Goldoni
Lo scozzese

ATTO PRIMO

SCENA SETTIMA   Altra camera.   Donna GIULIA e LISETTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Altra camera.

 

Donna GIULIA e LISETTA

 

GIU. Sì, per oggi vo' trattenermi in quest'appartamento terreno.

LIS. Fa benissimo. Così sarà più lontana dalle seccature.

GIU. Da quai seccature?

LIS. Mi può intendere senza ch'io parli.

GIU. Non vuoi desistere?

LIS. Io non nomino alcuno.

GIU. Ma ti capisco.

LIS. È segno dunque ch'io do nel vero.

GIU. Ma il vero sempre non si ha da dire.

LIS. Io non lo dico.

GIU. Ma lo pensi.

LIS. Il pensiere non si può impedire.

GIU. Orsù, acchetati, e va a vedere se il signor don Properzio si è servito del segretario, e se può venire da me.

LIS. Chi?

GIU. Il segretario.

LIS. Voleva dire io, che avesse volontà di una seccatura.

GIU. Lisetta, meno lingua, e più giudizio.

LIS. (Di lingua so che sto bene, di giudizio poi così e così). (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License