Carlo Goldoni
Lo scozzese

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA   Donna Giulia e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Donna Giulia e detti.

 

GIU. E così, che nuova mi date?

RID. Posso dirvi, signora...

AUR. Lasciate parlare a me. (a don Ridolfo) Don Ridolfo è tutto contento che gli abbiate procurata questa buona fortuna. Io pure vi ringrazio per parte mia. Siamo pacificati, ci vogliamo bene, ci sposeremo, e preparateci i vostri comandi.

GIU. Per dove?

AUR. Per Moscovia.

GIU. Ho piacere che siate contenti. Questa è la scrittura che don Ridolfo dovrà sottoscrivere, come poeta della Corte. Aspetto un notaro; si formerà il vostro contratto di matrimonio, e avanti sera vi saranno contati duecentocinquanta rubli per il primo quartale.

RID. Io non ho lingua bastante per ringraziarvi.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License