Carlo Goldoni
La donna vendicativa

ATTO TERZO

SCENA VENTISETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTISETTESIMA

 

Lelio e Trappola per la porta di strada all'oscuro; poi Arlecchino

 

LEL. Tu vuoi farmi precipitare.

TRAPP. Niente, signore, si fidi di Corallina.

LEL. Dove siamo?

TRAPP. Venga meco, che ho pratica della casa. (lo prende per la mano)

LEL. Questa notte tu mi precipiti; ma giuro al cielo, il primo a morire sarai tu stesso.

TRAPP. La non dubiti, che non moriremo nessuno. (entra con Lelio per la porta della scala)

ARL. Oh poveretto mi! Zente in casa. Ladri, e no se trova el padron. Tremo da tutte le bande. Se i me trova, i me mazza. L'è mêi che me la batta fora de ; ma se vado fora, ho paura... e se resto denter, l'è pezo. Anderò... ma se trovo zente... la zente l'è in . È mêi che vada. Anderò a chiamar i sbirri. Povero el me padron! L'è assassinà. Presto, i sbirri, la corte. (parte per la porta di strada)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License