Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO PRIMO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Siora Chiaretta e siora Giulia

 

CHIAR. Siora santola, cossa gh’ha siora Orsetta, che la xe andada via immusonada79?

GIU. Cossa soggio mi? La xe matta, poveretta. Cossa diseu, fiozza, che bella forestaria80 che ve fazzo? Vostro santolo ne fa sgangolir81.

CHIAR. Mi del disnar no ghe penso. Me despiase che no andemo altro in mascara.

GIU. Cara fia, abbiè pazienza; anderemo. No xe gnancora vintidò ore.

CHIAR. (Me premerave de véder sior Baseggio. Ho paura che Orsetta no lo veda avanti de mi). (da sé)

GIU. Malignazo sto mio mario! Lo scannerave.

CHIAR. Dove mai porlo esser?

GIU. El sarà da quella sporca, da quella pettazza.

CHIAR. Da chi?

GIU. Da la vedoa.

CHIAR. Oh giusto!

GIU. El xe , quanto che mi gh’ho nome Giulia. Eh! mi, fia, co el cuor me dise una cossa, nol falla mai. Xe da sta mattina in qua, che gh’ho una smania che me rode de drento. E po, cossa voleu che ve diga? El xe stà visto andar zoso per calle dei Fuseri.

CHIAR. Nol pol esser andà in qualch’altro liogo?

GIU. Cussì fusselo crepà; come che el sarà de culìa.

CHIAR. Vardè cossa che la dise a so mario: fusselo crepà!

 

 

 





p. -
79 In collera.



80 Accoglienza come forestiera.



81 Mancar per inedia, per noia d’aspettar, per desiderio.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License