Carlo Goldoni
I due gemelli veneziani

ATTO TERZO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Tonino solo.

 

TON. Vardè quando che i dise dell’amicizia del d’ancuo87. Florindo xe stà a Venezia; l’ho trattà come un proprio fradello. Me fido de lu, ghe mando una donna che tanto me preme, e lu me tradisse! Mi no so con che stomego un amigo possa ingannar l’altro amigo. Me par a mi, che se fusse capace de tanta iniquità, ghaveria paura che la terra s’averzisse per inghiottirme. L’amicizia xe la più sagra leze del mondo. Leze che provien dalla natura medesima, leze che regola tutto el mondo, leze che, destrutta e annichilada, butta sottosora ogni cossa. L’amor delle donne el xe fondà sulla passion del senso inferior. L’amor della roba el xe fondà sul vizio della natura corrotta. L’amor dell’amicizia xe fondà sulla vera virtù; e pur el mondo ghe ne fa cussì poco conto. Pilade e Oreste no serve più d’esempio ai amici moderni. El fido Acate xe un nome ridicolo al d’ancuo. Se adora l’idolo dell’interesse; in liogo de amici se trova una manizada88 de adulatori, che ve segonda fina che i gh’ha speranza de recavarne profitto; ma se la sorte ve rebalta89, i ve lassa, i ve abbandona, i ve deride, e i paga d’ingratitudine i benefizi che ghavè fatto; come dise benissimo missier Ovidio:

Tempore felici, multi numerantur amici:

Si fortuna perit, nullus amicus erit.

 

 

 





p. -
87 Del d’ancuo, del giorno d’oggi.



88 Manizada, ammasso.



89 Ve rebalta, vi rovescia.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License