Carlo Goldoni
Il feudatario

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Arlecchino e detti.

 

ARL. Siori... (col cappello in testa)

TUTTI Cavati il cappello, cavati il cappello.

ARL. Ih! sia maledetto. (getta via il cappello) El sior Marchese l'è poco lontan.

NAR. Andiamo. (tutti s'alzano e vogliono partire) Aspettate. Tocca a me a andare innanzi. (parte con gravità)

PASQ. (Vuole andare)

CEC. Aspettate. Tocca a me. (fa lo stesso)

MENG. Ora tocca a me. (fa lo stesso)

PASQ. A chi tocca di noi due? (a Marcone)

MARC. Io sono il sindaco più vecchio. Tocca a me.

ARL. Sior sì, tocca a lu.

PASQ. Io sono stato sindaco quattro volte, e voi due.

ARL. L'è vera, tocca a vu.

MARC. Ma questa volta ci sono entrato prima di voi.

ARL. El gh'ha rason.

PASQ. Orsù, mandiamo a chiamare i deputati, e faremo decider a chi tocca.

MARC. Benissimo; va a chiamare messer Nardo. (ad Arlecchino)

ARL. Subito. (Ecco un impegno d'onor tra el fior della nobiltà). (da sé, parte)

PASQ. Non voglio pregiudicarmi.

MARC. Nemmen io certamente.

PASQ. Siamo amici, ma in queste cose voglio sostenere la dignità.

MARC. Vada tutto, ma non si faccia viltà.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License