Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO PRIMO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Il conte Ottavio e Brighella, e detti; poi Lumaca

 

BRIGH. Siora Olivetta, ghe presento sto cavalier.

OLIV. Serva divota. (s’alza un poco) Perdoni, mi trova qui lavandomi le mani.

OTT. Lavatevi pure tutto quel che volete.

OLIV. S’accomodi.

BRIGH. Deghe da sentar. (al Cameriere)

CAM. Ma come... (accenna aver le mani ingombrate)

BRIGH. qua. Deghe da sentar. (prende egli la brocca) Lumaga.

CAM. Si serva, illustrissimo. ( la sedia ad Ottavio)

OTT. (siede)

OLIV. L’asciugatoio. (a Lumaca)

BRIGH. Elo quello coi pizzi de Fiandra? Tien saldo. ( la sottocoppa a Lumaca)

OTT. Voi siete ballerina?

OLIV. Per servirla. (si va asciugando e mettendo gli anelli)

BRIGH. Ma no l’è miga de ste ballerine d’Italia, sala, signor.

OTT. Siete francese?

OLIV. No, signore, sono italiana.

OTT. Italiana tutta?

OLIV. Come tutta?

OTT. Galantuomo. (a Brighella, ridendo)

BRIGH. A mi?

OTT. Sì, a voi.

BRIGH. La perdoni...

OTT. Non siete galantuomo?

BRIGH. Son galantomo; ma son el padre de siora Olivetta.

OTT. Datemi una presa di tabacco.

BRIGH. Ho perso la scatola, signor.

OTT. Mi dispiace. N’aveva una, l’ho data via.

BRIGH. Deghene una presa del vostro, de quello della scatola d’oro. (a Olivetta)

OLIV. Lo servirei; ma veda. Non ne ho più. (mostra la scatola vuota)

OTT. Lasciate vedere. (prende la scatola)

BRIGH. Parigi, sala? E tanto val l’oro, quanto la fattura.

OTT. (Mette nella scatola delli zecchini) Compratevi del tabacco.

OLIV. Oh, troppo incomodo.

BRIGH. (Me piase; el sa far pulito). (da sé) Cara fia, lassè che veda se podesse, nettando la scatola, trovarghene una presa. Gh’ho sto vizio, e no gh’ho scatola.

OLIV. Tenete. ( la scatola a Brighella)

BRIGH. (Apre e conta piano li zecchini) (No gh’è mal). (da sé)

OTT. Quest’anno dove ballate?

OLIV. Ancora non lo so.

BRIGH. Avemo molti trattati; ma nissun ne comoda. La mia creatura no balla né per dusento, né per tresento zecchini. Grazie al cielo, no ghe ne avemo bisogno.

OTT. Ehi?

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License