Carlo Goldoni
La finta ammalata

ATTO PRIMO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Colombina colla zuppa, e detti.

 

COL. Ecco la zuppa.

ROS. Non la voglio, non la voglio.

PANT. Via, per to pare.

BEAT. L’ha detto il medico.

ROS. Mi sforzerò.

PANT. Vedeu? Per so pare la se sforzerà.

COL. Mangiatela, che è preziosa.

ROS. Ma se non posso.

COL. Il medico dirà che non volete fare a suo modo.

ROS. La mangerò. (mangia)

PANT. Vardè, se la me vol ben, vardè.

COL. Il dottor Onesti si consolerà.

ROS. (Ride).

PANT. Cara quella bocchetta che ride. Senti, fia mia, vedo che sto dottor Onesti no te varisse, ho pensà de muar miedego, e ho trovà un vertuoso...

ROS. Oimè! mi vien male, non posso più. (getta via la zuppa, e balza dalla sedia)

PANT. Fia mia, cossa fastu?

ROS. Andate via di qua, non voglio nessuno.

PANT. Fermete, per amor de to pare.

ROS. Lasciatemi stare.

PANT. Se ti vol ben a to pare.

ROS. Non so di padre, non so di madre, non so s’io viva, non so s’io mora. Son fuor di me, tremo tutta.

PANT. Son qua mi, son qua mi. Nasa. (le sporge una boccetta al naso)

ROS. Andate via, andate via. Colombina, aiutami; signora Beatrice, per carità. (s’appoggia alle due suddette)

PANT. No ti vol to pare?

ROS. No.

COL. Non ha bisogno di voi, ha bisogno del dottor Onesti.

ROS. Il diavolo che ti porti. ( una spinta a Colombina, e parte)

PANT. Poverazza! el mal ghe va alla testa. Presto, vôi chiamar i miedeghi, vôi far consulto. Vegnirà el dottor Onesti, vegnirà el dottor Bonatesta, chiamerò qualcun altro, vôi far consulto. Povera la mia putta! No gh’ho altro al mondo che questa.

COL. Signor padrone, volete guarirla?

PANT. Oh magari!

COL. Maritatela.

PANT. Sì ben: maritatela. Par che el matrimonio sia la medesina de tutti i mali. Povera frasconazza4, domandè a tante che s’ha maridà, e me savarè dir che bon medicamento per una donna xe el matrimonio. (parte)

COL. Se il matrimonio fosse una medicina cattiva, tante vedove non tornerebbero a medicarsi. (parte)

BEAT. Io ho sempre sentito dire, che quei medicamenti che hanno dell’amaro, fanno bene allo stomaco. (parte)






p. -
4 Sciocca.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License