Carlo Goldoni
Il giuocatore

ATTO PRIMO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Rosaura e Florindo

 

ROS. Caro Florindo, mi parete di poco buon umore.

FLOR. No, anzi son allegro, ho vinto cinquecento zecchini.

ROS. Ma averete patito la mala notte; siete un poco pallido, siete abbattuto.

FLOR. Oibò, non è vero. (sbadiglia)

ROS. Voi avete sonno.

FLOR. No davvero. Prendiamo il tabacco. (prende il tabacco, e ne a Rosaura)

ROS. Buono assai questo rapè.

FLOR. Tenete. (le la scatola)

ROS. No, vi ringrazio.

FLOR. Tenete, vi dico.

ROS. Non ve ne private voi.

FLOR. Oh, che a me non mancano scatole. Ne ho ordinate due d’oro; ne darò una a voi. (sbadiglia)

ROS. Vi ringrazio; la prendo perché ho da essere vostra sposa; ma quando si concluderanno queste nozze?

FLOR. Presto. (sbadiglia)

ROS. Voi avete sonno.

FLOR. No. (strofinandosi gli occhi)

ROS. Mio padre bramerebbe due cose. La prima, che voi lasciaste il giuoco; la seconda, che si stabilisse il nostro matrimonio.

FLOR. Sì, si stabilirà. (appoggiandosi al tavolino)

ROS. E il giuoco lo lascerete?

FLOR. Sì. (si va addormentando)

ROS. Voi siete un giovane pieno d’ottime qualità, ma credetemi che il giuoco vi rovina. Tutti dicono che non abbadate alla vostra casa, che trascurate i vostri interessi, che perdete i denari ed il tempo, ed io certamente per causa del giuoco non posso lodarmi di voi... Signor Florindo... Oh meschina me! Si è addormentato. Poverino! Non avrà dormito la notte, non ho cuore di risvegliarlo.

FLOR. Sette. Non va altro. (dormendo e sognandosi)

ROS. Egli sogna.

FLOR. Sette, no, no. (come sopra)

ROS. Anche dormendo il giuoco lo tormenta.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License