Carlo Goldoni
La guerra

ATTO SECONDO

SCENA QUINTA   Don Cirillo ed il Conte

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Don Cirillo ed il Conte

 

CIR. Aiuto. Aiutatemi. (al Conte che lo solleva) Oimè, sono rovinato.

CON. Ve la siete ben meritata.

CIR. Gliel'avete dato il zecchino?

CON. Gliel'ho dato, sicuro.

CIR. , per farmi dispetto; ma non avete né testa, né prudenza, né civiltà.

CON. A me questo?

CIR. , a voi. Io ho avuto amicizia colle piú belle ragazze di questo mondo, e non ho mai speso un quattrino, e voi buttate via il danaro cosí? Stolido, scimunito, minchione.

CON. Don Cirillo, parlate meglio.

CIR. E al giorno d'oggi, stroppio cosí come sono, son padrone di farmi correr dietro tutte le donne ch'io voglio; e mi parerebbe di ridere a farvi stare, bertuccione, vigliacco.

CON. Siete un temerario, un impertinente.

CIR. A me temerario? a me temerario? (saltando)

CON. A voi, e se non foste nello stato in cui siete, v'insegnerei a parlare.

CIR. Non ho paura di voi, e, cospetto di bacco, mi voglio battere.

CON. Non mi vo' mettere con uno stroppio.

CIR. Se ho stroppia la gamba, non ho stroppia la mano; ci batteremo colla pistola.

CON. Bene, ad altro tempo ci rivedremo. (parte)

CIR. Crede forse di farmi paura? Ho fatto ventisette duelli, e son soldato d'onore, e don Cirillo, anche senza una gamba, sempre sarà don Cirillo.

 

E viva la guerra, e viva l'amore ecc. (cantando e saltando parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License