Carlo Goldoni
La donna di testa debole

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Donna Violante, poi Argentina collo specchio.

 

ARG. Compatitemi signora; è venuta una visita alla signora vostra cognata, e ha toccato a me riceverla ed introdurla

VIO. Chi è questa visita?

ARG. È la signora donna Aurelia.

VIO. Donna Aurelia va da mia cognata, e non viene prima da me? Bene, bene la scarterò.

ARG. Ha domandato anche di voi, signora...

VIO. qui lo specchio. (arrabbiata)

ARG. Eccolo.

VIO. (Si va guardando nello specchio, e s'accomoda con uno spillone).

ARG. Credo che dopo verrà da voi...

VIO. Da me dopo? Vada al diavolo. (con rabbia si concia)

ARG. Voi avete paura di scomparire, e fate torto a voi stessa. Credetemi, signora padrona, avete assai migliorato da che siete vedova.

VIO. Gli occhi non mi pare che abbian patito. (guardandosi nello specchio)

ARG. Per quello che avete pianto, non doverebbono aver patito certo.

VIO. Una volta mi pare che io era più rossa.

ARG. Ah, in quanto al rosso poi, il più e il meno sta in vostra mano.

VIO. Sento gente. Chi viene?

ARG. Parmi che sia...

VIO. Donna Aurelia? non la voglio ricevere

ARG. Ma io non saprei...

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License