Carlo Goldoni
La donna di testa debole

ATTO PRIMO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Pantalone, poi Donna Violante.

 

PANT. Sta mia nezza gh'ha una voggia de mario, che la butta fuogo. Le fa cussì ste putte: no le vede l'ora de maridarse, e po, co le xe maridae, le fa come i marineri in borrasca, le se augura un cantoncin del fogher. Anca donna Violante la se vorria maridar; e quella, per dir la verità, no vedo l'ora anca mi che la se marida. Prego el cielo che la vadagna sta lite, son interessà in sta cossa, come se se trattasse de una mia fia, perché finalmente la xe stada muggier de un mio nevodo e la considero del mio sangue. Siemile ducati la gh'ha de dota. Vintimile importa la eredità contenziosa. Con vintisiemile ducati la doveria trovar qualcossa de bon.

VIO. Signor zio, appunto desiderava vedervi.

PANT. E mi giusto vegniva in cerca de vu.

VIO. Datemi qualche notizia della mia causa. Posso sperare di guadagnarla? La sentenza l'avremo noi presto? Per amor del cielo, signor zio, non mi abbandonate. Non ho altri che mi voglia bene che voi.

PANT. Sì, fia, ve voggio ben, e ve ne vorave anca de più, se ve contegnissi con un puoco più de prudenza.

VIO. Signore, che cosa faccio io che vi rassembri mal fatto?

PANT. Troppe conversazion, troppe chiaccole, troppi reziri, e po cossa xe sto mattezzo che ve xe saltà in te la testa de voler deventar dottoressa? Tutto el zerno coi libri in man. Se li intendessi, pazenzia. Se gh'avessi una bona disposizion, se a bonora i v'avesse fatto studiar, ve loderia, ve compatiria; ma a scomenzar adesso xe tardi. El studio delle donne no l'ha da esser né la grammatica, né la poesia, ma l'economia della casa, l'educazion dei fioli, co ghe ne xe; farse ben voler dal mario, farse respettar dalla servitù, acquistarse un bon nome, saver trattar con giudizio, conversar con prudenza, e devertirse con moderazion. Questo xe el studio delle femene che gh'ha giudizio. Questa xe la dota, che più de tutto ha da premer a un bon mario. I vintimile ducati spero che i gh'averè. Ancuo se darà la sentenza, e spero che sarè consolada. Se la se perdesse, no ve stè a desperar. Fideve de mi, no ve dubitè gnente; abbiè prudenza, regoleve da donna savia, e no ve abbandonerò mai. Se la vostra dota no ve basta per remaridarve, son qua, son galantomo, son vostro barba. Se troverè un partìo che me piasa, vederè cossa che farò.

VIO. Signore, io mi getterò nelle vostre braccia.

PANT. Se no fussi stada muggier de mio nevodo, gh'averia ancora brazzi e gambe da sustentarve. La conclusion xe questa. Più presto che ve mariderè, me farè più servizio; e se l'occasion no capita, fe cussì: fe metter i bollettini sulle cantonae: Possession da vender con tutte le so abenzie e pertinenzie, usi, servitù e comodi e chi la volesse, vada a parlar a domino Pantalon dei Bisognosi. Fe che i vegna da mi, e no ve dubitè gnente. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License