Carlo Goldoni
Una delle ultime sere di carnovale

ATTO SECONDO

Scena Prima. Zamaria e Anzoletto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO SECONDO

 

Scena Prima. Zamaria e Anzoletto

 

ZAMARIA Vegnì qua mo, sior Anzoleto.

ANZOLETTO Son qua a servirla, sior Zamaria.

ZAMARIA Com'èla, compare? vero quel, che i dise? Xèla la verità, che andè via?

ANZOLETTO Sior sì, verissimo. Son chiamà in Moscovia.

ZAMARIA Seu mo veramente chiamà, o seu vu che ha brogià per andar?

ANZOLETTO V'assicuro, da omo d'onor, che mi a sta cossa no ghe pensava; ve posso mostrar le lettere. Le ha viste i mii patroni, i mii amici; e i fatti mii li sa tutto el mondo. E po, caro sior Zamaria, me crederessi cussì minchion, che, stando ben dove son, dove no me manca da laorar, volesse lassar el certo per l'incerto, e rischiar de precipitarme? Considerè un'altra cossa. I me paga i viazi. Co se cerca, co se prega, co se fa brogio, ve par a vu, che se possa sperar i viazi d'andar, e tornar?

ZAMARIA conto de tornar donca.

ANZOLETTO Se el Cielo me lassa in vita, lo spero, lo desidero, e lo farò.

ZAMARIA No so cossa dir; andè che 'l Cielo ve benediga. Me despiase, che fin che stè via, no gh'averemo dei vostri dessegni.

ANZOLETTO E per questo? Manca in sto paese dei ottimi dessegnadori? Venezia no scarsa de bei talenti. In tutte le arte, in tutte le scienze la stada sempre felice; e adesso più che mai in ste lagune fiorisse i bei spiriti, e 'l bon gusto, e le novità. Per mi ho fatto troppo. Son stà più sofferto de quel, che merito.

ZAMARIA Mi no so gnente. Savè, che nualtri testori no semo boni da altro, che da eseguir; e no tocca a nu a giudicar. Ma gièrimo usai con vu. I mii teleri principalmente i giera provisti da vu, e la nostra roba incontrava, e i nostri aventori giera contenti.

ANZOLETTO Caro sior Zamaria, vu parlè con tropa bontà. De cento, e più dessegni, che ho fatto, qualchedun ghe n'è andà mal, e qualche volta avè butà la seda, l'oro, e l'arzento per causa mia.

ZAMARIA Mi no digo cussì. So, che i mii drapi laorai sui vostri dessegni, se no i ho smaltii a Venezia, i ho smaltii in terraferma; e se in qualcun ho descapità, m'ho reffatto sora la brocca con quelli, che andai ben.

ANZOLETTO Sièu benedeto! Vu un omo onesto. Vu un omo da ben. Ma ghe dei altri testori, che no parla cussì.

ZAMARIA Vegnì qua, sentì. No poderessi, fin che stè via, mandarme dei dessegni da dove che ?

ANZOLETTO Perché no? Se ve compiasessi de comandarme, e se ve fidessi de mi, ve servirave con tutto el cuor.

ZAMARIA Sior sì; mandèghene, e non ve dubitè.

ANZOLETTO Ghe ne manderò.

ZAMARIA V'impegneu?

ANZOLETTO M'impegno.

ZAMARIA Me prometteu?

ANZOLETTO Ve prometto.

ZAMARIA Vardè ben, che su la vostra parola torò l'impegno coi mii aventori.

ANZOLETTO Gh'ho tanto respetto, e tante obligazion coi aventori de sta bottega, che sarave un ingrato, se trascurasse de corisponder a le finezze, che i m'ha praticà. Se vu disè dasseno; se volè, se ve preme, anca mi v'assicuro, no mancherò.

ZAMARIA Bravo, son contento; me fido de vu. No parlemo altro. Devertìmose, godémose in bona pase. Oe, zente, dove seu? Animo, vegnì de qua.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License