Carlo Goldoni
Il filosofo inglese

ATTO PRIMO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Madama SAIXON sulla loggia, e detti.

 

M.SA.

Con chi ciarli? (a Rosa.)

ROSA

Gioacchino dee rendere un ventaglio;

Prendendolo, temea commettere uno sbaglio.

M.SA.

Prendilo, ch'egli è mio.

ROSA

Calerò giù il cestino. (Cala il cesto.)

GIO.

Eccolo. (mette il ventaglio nel cesto.)

ROSA

Un'altra volta vieni un po' su, carino. (sottovoce a Gioacchino.)

M.SA.

Lo vide mio marito? che disse? gli è piaciuto?

GIO.

Disse ch'egli era bello, ma inver non l'ha veduto.

M.SA.

Non l'ha veduto, e il loda? Mi burla e mi deride?

Questa sua flemma indegna è quella che mi uccide.

Voglio stracciarlo in pezzi. (straccia il ventaglio.)

ROSA

Signora, oh che peccato!

M.SA.

Or che mi son sfogata, lo sdegno mi è passato. (si ritira.)

ROSA

Gioacchino, ti saluto. Ricordati di me.

GIO.

Son troppo ragazzetto; non sono ancor per te.

ROSA

Voglimi bene, e cresci, che io ti aspetterò.

GIO.

Quando sarò cresciuto, allor risponderò.

ROSA

A costo di aspettare, voglio pregare il cielo,

Che in sposo mi conceda un uom di primo pelo. (si ritira.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License