Carlo Goldoni
Il geloso avaro

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Pantalone, poi Traccagnino.

 

PANT. A sto mondo no se pol più far servizio. Quel maledetto Agapito, che tante volte ha avù bisogno de mi, che sui stocchi che l'ha fatto far ai fioi de famegia l'averà vadagnà più de mi, colù el me accusa, el me perseguita, el me fa formar un processo. Questa la xe la mia rovina. Bisognerave che gh'avesse un mezzo con qualche auditor della Vicarìa. Quando mia muggier gera putta, so che el sior auditor Pandolfi andava in casa soa, el gera amigo de so pare. Poderia pregar sior Dottor; ma con quel vecchio fastidioso no tratto volentiera; e po el vorrà saver la mia premura, e mi no voggio che se sappia i fatti mii. Mia muggier ghe poderave parlar... Si ben! mia muggier? mandarla in bocca al lovo?

TRACC. Sior patron.

PANT. Cossa gh'è?

TRACC. Cattive nove.

PANT. Nove cattive? de cossa?

TRACC. Per dirghela in confidenza, ho trovà Brighella me paesan, e el m'ha dit certe cosse che no capisso, de querela, de quattrin, de lusuria...

PANT. D'usura?

TRACC. Gnor sì, e i dis cussì che a vussignoria i ghe forma un possesso.

PANT. Come un possesso? Ti vorrà fursi dir un processo.

TRACC. Sior sì; za mi no so cossa che el voggia dir.

PANT. Poveretto mi! Presto, dighe a mia muggier che la vegna qua.

TRACC. Com'ala da far a vegnir, se l'è serrada in camera?

PANT. Ah sì: tien le chiave. Averzi, e dighe che la vegna qua.

TRACC. (Vardè che matto! El serra la muggier in camera per paura dell'onor. Nol sa che l'onor l'è come el vento, che el va fora per tutti i busi). (da sé, parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License