Carlo Goldoni
Le femmine puntigliose

ATTO SECONDO

Scena Quarta. Florindo con bastone e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Florindo con bastone e detti

 

Don Florindo - O metti quell'abito nel baule, o ti rompo le braccia. (ad Arlecchino)

Arlecchino - (Star fresca, star fresca) (da sé)

Donna Rosaura - Che intenzione avete, signor consorte?

Don Florindo - Che andiamo immediatamente a casa nostra.

Conte Onofrio - Senza desinare?

Donna Rosaura - Come? Perché?

Don Florindo - Or ora verrà il postiglione col carrozzino attaccato.

Donna Rosaura - L'ho da saper ancor io. Porta via quell'abito. (ad Arlecchino minacciandolo)

Don Florindo - Lascia quell'abito. (al medesimo minacciandolo)

Donna Rosaura - E perché vorreste fare una simile bestialità?

Don Florindo - Perché degli affronti ne ho ricevuti abbastanza.

Donna Rosaura - Niente per altro? Porta l'abito nel guardaroba. (ad Arlecchino come sopra)

Don Florindo - Metti l'abito nel baule. (al medesimo, come sopra)

Arlecchino - (Star fresco, star fresco). (da sé con paura)

Conte Onofrio - Amico, queste risoluzioni repentine sono per lo più sconsigliate, e importune. Pensateci un poco. Fate una cosa; desinate, e frattanto avrete luogo a riflettere. (a Florindo)

Don Florindo - Vi ho pensato tanto che basta. E voi, signor conte Onofrio, in questo non ci avete da entrare.

Conte Onofrio - C'entro, perché siete mio buon amico.

Don Florindo - Se foste mio amico, non mi avreste piantato qui come un villano, obbligandomi a venire a piedi, quando voi andavate in carrozza.

Donna Rosaura - Veramente mio marito non dice male, e se non avessi avuto riguardo alla contessa Beatrice, non sarei nemmen io venuta nella vostra carrozza.

Don Florindo - Ho piacere che ancor voi comprendiate la verità. (a Rosaura) Metti quell'abito nel baule. (ad Arlecchino come sopra)

Donna Rosaura - Lascia stare. Portalo nel guardaroba. (al medesimo, come sopra)

Conte Onofrio - Io resto stordito di questa cosa. Non ci ho abbadato. Se mi dicevate qualche cosa, vi dava volentieri il mio posto, ed io sarei restato qui ad aspettarvi, e mi sarei divertito col vostro cuoco.

Donna Rosaura - Sentite? Non l'ha fatto a malizia, non l'ha fatto per disprezzo, ma con inavvertenza. Vi domanda scusa, che cosa volete di più? (a don Florindo) Moro, va via con quell'abito. (ad Arlecchino)

Don FlorindoFermati. (ad Arlecchino) Ma che abbiamo da fare in Palermo? Che cosa possiamo sperare da queste dame?

Donna Rosaura – Oh, se sapeste, marito mio, quante cortesie ho ricevute, voi stupireste. Non è vero, conte Onofrio?

Conte Onofrio - Verissimo.

Donna Rosaura - Vi era la contessa Eleonora: che galante dama! Vi era la contessa Clarice: che dama compita! Mi hanno fatto tante finezze; mi hanno fatto sedere in mezzo di loro, non si saziavano di lodarmi. Oggi verranno a farmi visita. Stassera verranno tutte alla festa di ballo della contessa Beatrice, staranno colà a cena, e noi balleremo e ceneremo con tutte le dame.

Conte Onofrio - E voi ci manderete il vostro salvaggiume e il vostro cuoco. (a Florindo)

Donna Rosaura - (Tutto voglio che mandiate; tutto, anco la cera per il festino). (piano a Florindo)

Don Florindo - Ma come tutto in una volta queste dame si sono mutate?

Donna Rosaura - Basta che una dia principio, tutte le altre corrono dietro. Siamo obbligati alla contessa Beatrice.

Arlecchino - Porto, o metto? (a Florindo, e Rosaura)

Donna Rosaura - Vanne.

Don Florindo - Fermati.

Conte Onofrio - Se sapeste quanto ho operato per voi! Basta, ne parleremo con comodo. Non andate ancora a desinare?

Donna Rosaura - Il conte Onofrio oggi favorisce di pranzar con noi.

Don Florindo - Mi rincresce che, per la risoluzione di partire, non ho fatto preparar nulla.

Conte Onofrio - Oh! Cosa avete fatto? Dov'è il cuoco? (a Florindo)

Don Florindo - Sarà in cucina.

Conte Onofrio - Presto, presto; cuoco, dove siete? Cuoco. Animo: legne, carbone, in quattro salti facciamo tutto. (parte)

Don Florindo – Presto, al cameriere che trovi il bisogno. (parte)

Donna Rosaura - Presto, la padrona di casa, che dia fuori la biancheria. (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License