Carlo Goldoni
Gli innamorati

ATTO SECONDO

Scena Undicesima. Flamminia, Eugenia, Fulgenzio e Roberto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Flamminia, Eugenia, Fulgenzio e Roberto

 

ROB. (In questa casa vi è il più bel divertimento del mondo. (da sé)

EUG. Mi dispiace del sagrifizio che oggi deve fare il signor Fulgenzio.

FUL. E a me dispiace, che ogni sagrifizio è male accettato.

ROB. Signori miei, amore non si pasce di sdegno, ma di dolcezze. (a Fulgenzio e ad Eugenia)

FLA. Bravo, dite lor qualche cosa, che non istiano sempre ingrugnati. (a Roberto)

FUL. Sarei più fortunato, se avessi il merito del signor Conte.

ROB. Io non ho merito alcuno; ma vi accerto bensì, che se avessi un'amante, come questa gentil signora, mi chiamerei fortunato.

FUL. E chi v'impedisce una sì gran fortuna?

ROB. Io non faccio mal'opera con nessuno...

FUL. Se parlate per me...

EUG. Se parlate per lui, mi rinunzia solennemente. (a Roberto)

FUL. Ella interpreta i miei sentimenti a misura delle sue inclinazioni.

FLA. Il signor Conte non è capace di interrompere il corso dei vostri amori.

FUL. Sì. È arrivato in questo momento, e parte prestissimo di Milano.

FLA. Io ho parlato così...

EUG. Eh, lasciatelo dire. Non sapete com'è fatto? Ha voglia di taroccare.

FUL. E voi avete voglia di vedermi fare delle pazzie. Ma questo gusto non ve lo darò più. Ho fissato di non volermi più scaldare il sangue per voi. Signor Conte, da dove viene ora, se è lecito?

ROB. Da Roma, signore.

FUL. Che dice di quella gran città?

ROB. Bella, magnifica, piena di meraviglie.

FLA. A noi non importa di Roma.

EUG. Lasciatelo dire; lasciate che si diverta.

FUL. Mi dicono che a Roma ci sono delle belle donne, è egli vero?

ROB. Sì, certo, ed hanno una galanteria sorprendente.

FUL. Sono così ostinate, come le milanesi?

FLA. Questa poi, compatitemi..(a Fulgenzio)

EUG. A Roma, signore, degli uomini incivili ve ne sono ? (a Roberto)

ROB. Via, via, non vi lasciate trasportar dalla collera.

FUL. Andrei a Roma pur volentieri.

EUG. Andate, che sarete la consolazione di Pasquino.

FUL. Fa caldo oggi, mi pare. (si alza affettando indifferenza, ma si siede che freme)

FLA. (Signor Conte, vorrei pregarvi di una finezza). (al Conte)

ROB. (Comandatemi). (a Flamminia)

FLA. (Fate mostra di aver da fare qualche cosa. Andate di per un poco). (al Conte)

ROB. (Sì, è giusto, lasciamoli in libertà). (a Flamminia) Signora Eugenia, si ricordi dei casi che possono nascere. Con licenza di lor signori. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License