Carlo Goldoni
Gli innamorati

ATTO TERZO

Scena Quattordicesima. Fabrizio e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Fabrizio e detti

 

FAB. Cosa fa qui questo temerario?

FLA. Abbiate pazienza, signore. Questi ha da essere lo sposo di mia sorella.

FAB. Non è degno d'imparentarsi con me.

FLA. Sentite. La sposerà senza dote.

FAB. Senza dote? (a Flamminia)

FLA. Si, signore.

FAB. La prendete voi senza dote? (a Fulgenzio)

FUL. Non ci ho veruna difficoltà.

FAB. Caro nipote, il cielo vi benedica. (l'abbraccia)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License