Carlo Goldoni
La locandiera

ATTO TERZO

Scena Prima. Mirandolina, poi Fabrizio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

Scena Prima. Mirandolina, poi Fabrizio

 

Camera di Mirandolina con tavolino e biancheria da stirare.

 

MIRANDOLINA: Orsù, l'ora del divertimento è passata. Voglio ora badare a' fatti miei. Prima che questa biancheria si prosciughi del tutto, voglio stirarla. Ehi, Fabrizio.

FABRIZIO: Signora.

MIRANDOLINA: Fatemi un piacere. Portatemi il ferro caldo.

FABRIZIO: Signora sì. (Con serietà, in atto di partire.)

MIRANDOLINA: Scusate, se do a voi questo disturbo.

FABRIZIO: Niente, signora. Finché io mangio il vostro pane, sono obbligato a servirvi. (Vuol partire.)

MIRANDOLINA: Fermatevi; sentite: non siete obbligato a servirmi in queste cose; ma so che per me lo fate volentieri ed io... basta, non dico altro.

FABRIZIO: Per me vi porterei l'acqua colle orecchie. Ma vedo che tutto è gettato via.

MIRANDOLINA: Perché gettato via? Sono forse un'ingrata?

FABRIZIO: Voi non degnate i poveri uomini. Vi piace troppo la nobiltà.

MIRANDOLINA: Uh povero pazzo! Se vi potessi dir tutto! Via, via andatemi a pigliar il ferro.

FABRIZIO: Ma se ho veduto io con questi miei occhi...

MIRANDOLINA: Andiamo, meno ciarle. Portatemi il ferro.

FABRIZIO: Vado, vado, vi servirò, ma per poco. (Andando.)

MIRANDOLINA: Con questi uomini, più che loro si vuol bene, si fa peggio. (Mostrando parlar da sé, ma per esser sentita.)

FABRIZIO: Che cosa avete detto? (Con tenerezza, tornando indietro.)

MIRANDOLINA: Via, mi portate questo ferro?

FABRIZIO: Sì, ve lo porto. (Non so niente. Ora la mi tira su, ora la mi butta giù. Non so niente). (Da sé, parte.)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License