Carlo Goldoni
La locandiera

ATTO TERZO

Scena Ultima. Il Servitore del Cavaliere e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ultima. Il Servitore del Cavaliere e detti

 

SERVITORE: Signora padrona, prima di partire son venuto a riverirvi.

MIRANDOLINA: Andate via?

SERVITORE: Sì. Il padrone va alla Posta. Fa attaccare: mi aspetta colla roba, e ce ne andiamo a Livorno.

MIRANDOLINA: Compatite, se non vi ho fatto...

SERVITORE: Non ho tempo da trattenermi. Vi ringrazio, e vi riverisco. (Parte.)

MIRANDOLINA: Grazie al cielo, è partito. Mi resta qualche rimorso; certamente è partito con poco gusto. Di questi spassi non me ne cavo mai più.

CONTE: Mirandolina, fanciulla o maritata che siate, sarò lo stesso per voi.

MARCHESE: Fate pure capitale della mia protezione.

MIRANDOLINA: Signori miei, ora che mi marito, non voglio protettori, non voglio spasimanti, non voglio regali. Sinora mi sono divertita, e ho fatto male, e mi sono arrischiata troppo, e non lo voglio fare mai più. Questi è mio marito...

FABRIZIO: Ma piano, signora...

MIRANDOLINA: Che piano! Che cosa c'è? Che difficoltà ci sono? Andiamo. Datemi quella mano.

FABRIZIO: Vorrei che facessimo prima i nostri patti.

MIRANDOLINA: Che patti? Il patto è questo: o dammi la mano, o vattene al tuo paese.

FABRIZIO: Vi darò la mano... ma poi...

MIRANDOLINA: Ma poi, sì, caro, sarò tutta tua; non dubitare di me ti amerò sempre, sarai l'anima mia.

FABRIZIO: Tenete, cara, non posso più. (Le la mano.)

MIRANDOLINA: (Anche questa è fatta). (Da sé.)

CONTE: Mirandolina, voi siete una gran donna, voi avete l'abilità di condur gli uomini dove volete.

MARCHESE: Certamente la vostra maniera obbliga infinitamente.

MIRANDOLINA: Se è vero ch'io possa sperar grazie da lor signori, una ne chiedo loro per ultimo.

CONTE: Dite pure.

MARCHESE: Parlate.

FABRIZIO: (Che cosa mai adesso domanderà?). (Da sé.)

MIRANDOLINA: Le supplico per atto di grazia, a provvedersi di un'altra locanda.

FABRIZIO: (Brava; ora vedo che la mi vuol bene). (Da sé.)

CONTE: Sì, vi capisco e vi lodo. Me ne andrò, ma dovunque io sia, assicuratevi della mia stima.

MARCHESE: Ditemi: avete voi perduta una boccettina d'oro?

MIRANDOLINA:signore.

MARCHESE: Eccola qui. L'ho ritrovata, e ve la rendo. Partirò per compiacervi, ma in ogni luogo fate pur capitale della mia protezione.

MIRANDOLINA: Queste espressioni mi saran care, nei limiti della convenienza e dell'onestà. Cambiando stato, voglio cambiar costume; e lor signori ancora profittino di quanto hanno veduto, in vantaggio e sicurezza del loro cuore; e quando mai si trovassero in occasioni di dubitare, di dover cedere, di dover cadere, pensino alle malizie imparate, e si ricordino della Locandiera.

Fine della Commedia

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License