Carlo Goldoni
La madre amorosa

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

 

Camera di donna Aurelia.

 

Donna Aurelia e Pantalone.

 

PANT. La supplico de benigno perdon, se vegno a darghe el presente incomodo. L'affar xe de premura; e el zelo della mia servitù me conduse a sta ora importuna a incomodar vusustrissima.

AUR. Caro signor Pantalone, in ogni tempo vi vedo assai volentieri. La vostra buona amicizia mi ha sempre giovato, e non sarà che profittevole per me l'incomodo che ora vi siete preso.

PANT. Vegno a scovrirghe un certo manizo, che ho penetrà za un'ora, acciò colla so prudenza la gh'abbia tempo de remediarghe.

AUR. Sempre disgrazie. M'aiuti il cielo.

PANT. La sappia che siora donna Lugrezia, so cugnada, ha parola a sior Florindo Aretusi de darghe per muggier siora donna Laurina.

AUR. Come! mia figlia in isposa a quel discolo, a quel villano?

PANT. Certo che la sarave precipitada per tutti i versi; ma siora donna Lugrezia, che xe restada erede de tutto, e che ha da dar la dota a sta putta, no la vardaria de precipitarla, per darghe manco che sia pussibile.

AUR. Povero mio marito! se fosse vivo!

PANT. Se el fusse vivo, no ghe saria sto pericolo. Lu el gh'aveva massime da cavalier; e se l'avesse podesto, prima de morir, far testamento, l'averia provisto el so sangue. No l'averave lassà la so unica fia alla descrizion de una sorella avara, che volendo tutto per ela, no gh'ha riguardo a sagrificar una creatura innocente all'idolo maledetto dell'interesse.

AUR. Ma non le riusciràfacilmente di farlo. Laurina è mia figlia, né mi farà quest'insulto di collocarla senza l'assenso mio.

PANT. So cugnada saria capace de farlo, e la gh'ha un mario avaro più de ela che la conseggia.

AUR. Lo sposo sa che ci sono. Non ardirà sottoscrivere senza di me.

PANT. Cossa vorla che sappia un omo ordenario che ha trovà i bezzi fatti da so pare, e che per rason dei so bezzi nol stima nissun? Nol sa la creanza, e nol la vol imparar.

AUR. Quel ch'è peggio, è un discolo, un dissoluto, giocatore, insolente. Povera mia figliuola! Sin che avrò vita, non acconsentirò certamente alla sua rovina.

PANT. Per mi, signora, no ghe vedo altro remedio che quello de far che la putta tegna duro, e che la diga de no.

AUR. Spero ch'ella non si allontanerà dal consiglio mio. Sa quanto io l'amo: l'amo più di me stessa, e morirei di dolore, se la vedessi fra le braccia d'uno che non la merita.

PANT. Me par de sentir zente.

AUR. Favoritemi guardar chi è.

PANT. La servo. (va destramente a guardare alla porta)

AUR. Cognata indiscreta, tu non me la farai vedere.

PANT. Sala chi xe?

AUR. Chi mai, signore?

PANT. Una persona, che so che no ghe despiase.

AUR. Mia figlia forse?

PANT. Eh giusto! no ghe piase altri che so fia?

AUR. Io non vi capisco.

PANT. Xe sior conte Ottavio.

AUR. Signor Pantalone, voi siete qualche volta bizzarro.

PANT. Cara zentildonna, de mi no la gh'ha d'aver suggizion. Son vecchio, son servitor antigo de casa, son omo de sto mondo. Ho provà le passion in mi, e le so compatir in ti altri. Una vedua zovene e viva come ela xe giusto che la se torna a maridar. Sior conte Ottavio xe un cavalier ricco, nobile, e d'una età giusto a proposito per una che ha fatto qualche campagna sotto le bandiere d'amor. Siora donna Aurelia, l'ascolta un omo sincero, un amigo de cuor. La pensa al ben de so fia, ma no la trascura el proprio interesse. La procura de collocar ben la so putta; ma la procura anca ela de andar via de sta casa de matti, perché la pase e la quiete el xe el mazor tesoro del mondo; e la natura insegna amar i propri fioli, xe vero, ma prima de tutto la insegna amar nu medesimi, e procurar la nostra umana pussibile felicità. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License