Carlo Goldoni
I malcontenti

ATTO SECONDO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Grisologo e Grilletta

 

GRIS. Che diamine ha mia sorella?

GRILL. Impazzisce per un vestito da viaggio. Non si trova.

GRIS. Sentite voi, che siete una serva, un discorsetto che fa la serva della moglie di Cromuel.

GRILL. E chi sono queste genti? Non le conosco io.

GRIS. Sentite.

Suol l'allegrezza il duolo scacciare in cotal modo,

Come la ferrea punta scaccia dall'asse il chiodo.

Fabbro sagace, antico, colla sinistra mano

Alza il duro metallo, e lo presenta al piano.

E 've dell'antico spunta la ferrea testa,

Tronca la superficie, ed il novello innesta.

Indi col destro pugno maglio ferrato innalza,

Repplica i colpi al centro, batte, ribatte, incalza:

Finché dal lato opposto della scheggiata scorza

Esca l'antico chiodo, entri il novello a forza.

Ah? che ne dite?

GRILL. Che linguaggio è questo?

GRIS. Italiano perfetto.

GRILL. Io l'ho creduto arabo, in coscienza mia; se la vostra commedia è scritta tutta così, partiranno stupiti, senza intendere una parola. (parte)

GRIS. Tutti ignoranti; tutti ignoranti. Questa sera l'universale deciderà del merito della novità. M'aspetto sentire risuonare gli applausi da tutti i lati. Parmi vedere il popolo affollato d'intorno a me, a consolarsi meco, a portarmi in trionfo per l'allegrezza. E domani anderò in campagna? Sì, sarà riputata la mia partenza un atto di modestia. Sarà meglio ch'io parta, anzi che andar pettoruto raccogliendo gli applausi per tutti gli angoli della città. (parte)



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License