Carlo Goldoni
I malcontenti

ATTO TERZO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

La signora Leonide col signor Mario, serviti di lumi da Servitori, ed il suddetto.

 

LEON. Eccoci, eccoci; fate attaccare, che siamo all'ordine.

RID. È finita la commedia?

LEON. Non ancora; non abbiamo avuto la sofferenza di starci sino alla fine.

RID. Avrei piacer di sapere, come da ultimo il popolo l'ha applaudita.

LEON. Il signor Roccolino, che vi è rimasto, ve lo saprà dire. Intanto ordinate che attacchino; non perdiamo tempo.

RID. Aspettiamo il signor Roccolino. Ma ditemi qualche cosa della commedia. C'è niente di buono?

LEON. Se la finiscono, fanno molto.

RID. È cattiva dunque?

LEON. Scelleratissima.

RID. È vero, signor Mario?

MAR. Cosa peggiore non ho sentito a' miei giorni.

RID. Sachespir non piace dunque?

MAR. Non piace, perché il signor Grisologo non l'ha saputo imitare.

LEON. Non vi è ordine, non vi è intreccio, non ci sono caratteri. Oh che pasticcio!

MAR. Io non so mai, perché il signor Grisologo siasi posto ad un tale impegno.

RID. Ve lo dirò io il perché. Per guadagnare dodici zecchini.

LEON. Poveri comici! li hanno gettati via.

RID. Se non piace, non glieli danno.

LEON. Oh, non li ha dunque?

RID. E se non li ha, né lui, né la signora Felicita vanno in villa.

LEON. Come lo sapete? Chi ve l'ha detto?

RID. Grilletta me lo ha detto, la cameriera.

MAR. È bellissima l'istoriella.

LEON. Non ci viene più a ritrovare la signora Felicita.

RID. Zitto, zitto, ch'ella scende le scale, e viene da voi.

LEON. Povera donna! mi fa compassione.

RID. Usate prudenza con lei, non la state a mortificare.

LEON. Se si tratta di compiacervi, le darò gusto.

MAR. Meglio per lei, che non sia stata al teatro.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License