Carlo Goldoni
I malcontenti

ATTO TERZO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Il signor Grisologo e detti.

 

LEON. (Vedendo venire il signor Grisologo melanconico, se ne ride in segreto col signor Mario)

GRIS. (Ah! pazienza!) (da sé in aria melanconica)

LEON. (Fa lo stesso col signor Ridolfo)

FELIC. È finita la commedia? (a Grisologo)

GRIS. È finita.

LEON. Come mai così presto? Siamo partiti ora, ch'erano all'atto terzo.

GRIS. Sapete l'impertinenza che m'hanno fatto i maligni? Hanno sollevato il teatro, ed hanno costretto i comici a calar la tenda.

LEON. (Ride col signor Mario)

FELIC. Sono stati i maligni? (a Grisologo)

GRIS. E chi volete che l'abbia fatto?

LEON. Povero signor Grisologo. Tutta invidia.

GRIS. Dicano la verità, essi che ci sono stati: era una cosa che meritasse un affronto simile?

LEON. Far calar la tenda? Piuttosto non alzarla nemmeno.

GRIS. Non l'intendo, signora Leonide.

MAR. Vuol dir la signora, che in questi casi è da desiderare di non essersi esposti.

GRIS. Sa ella che cos'è, signore? Non intendono niente.

LEON. Questo è quello che diceva io; non intendono niente.

RID. Non vi perdete per questo, signor Grisologo. Un'altra vi rimetterà in riputazione.

GRIS. Sì; voglio farne delle altre, a dispetto de' miei nemici.

LEON. Ecco il signor Roccolino; fate attaccare. E che si parta una volta. (a Ridolfo)

RID. (Non si vede venire il signor Geronimo. Non so che risolvere). (da sé)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License