Carlo Goldoni
Le massere

ATTO PRIMO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Zanetta, poi Gnese.

 

ZANETTA:

Donna Rosega, almanco, quel che la vol la fa;

La pol far sporco in letto, e dir che l'ha suà.

La pol far alto e basso, nissun ghe varda in becco;

Ma mi la mia parona la me fa star a stecco.

Gnanca un boccon de pan no gh'è, co ghe ne voggio;

Sotto el letto la tien fina el pavéro e l'oggio.

E po quando la zoga, la va zo col brenton.

Za chi tien per la spina, spande per el coccon.

GNESE:

Oe, Zanetta.

ZANETTA:

A bonora.

GNESE:

Cossa diseu? son qua.

Cara fia, un secchio d'acqua.

ZANETTA:

No ghe n'è gnanca un fià.

Xe tre che se pena; no ghe n'avemo un giozzo:

Mi, per far el levà, giersera ho sugà el pozzo.

E la parona cria co i vien con el bigolo;

Gieri de quattro secchi la gh'ha un soldo solo.

GNESE:

Quando che ghe n'avemo nu, ghe ne demo a tutti;

E per darghene ai altri, adesso semo sutti.

ZANETTA:

Andè da donna Rosega. Ella che la ghe n'ha,

Che i ghe n'ha messo in pozzo, ella ve ne darà.

GNESE:

Me proverò. O de casa. (Batte.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License