Carlo Goldoni
Le massere

ATTO QUARTO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO QUARTO

SCENA PRIMA

Strada.

Dorotea in maschera, poi Servitore.

 

DOROTEA:

Adesso stago ben! Meggio no posso star.

Ho perso tutti i bezzi, no so più come far.

L'intrada ho consumà; ho impegnà el bon e el bello

Tutte le mie ricchezze le consiste in sto anello.

M'ha parso una gran bazza, quando che l'ho comprà,

E adesso el venderave anca a più bon marcà.

Ma venderlo perché? Meggio saria impegnarlo

Se zogo, e se me reffo, posso recuperarlo.

Se ghe fusse Zanetta, la troveria el bisogno;

Andar a domandar mi sola me vergogno.

Se la ghe fusse in casa! Ma quella desgraziada

Ancuo la xe in borezzo. No la sarà tornada. (Batte alla porta.)

Eh figureve, gnanca se i le liga ste donne;

Co le xe tra de ele, schiavo siore parone.

Gh'ho bisogno de bezzi; son scaldada dal zogo:

Per trovarghene adesso me butterave in fogo.

Ghe xe siora Costanza, che so che la ghe n'ha;

Per via de donna Rosega la me n'ha anca imprestà.

Ma xe andada Zanetta; de mi no la sa gnente.

Andar mi col mio muso no la xe da prudente.

Ma el bisogno xe grando, e no so quala far.

Bisogna farse anemo, voggio andar a provar.

O de casa.

SERVITORE:

Chi batte?

DOROTEA:

Ghnissun?

SERVITORE:

La perdona:

Voravela el padron, o vorla la padrona?

DOROTEA:

Che no me cognossè?

SERVITORE:

La scusa la domanda,

Perché per el padron se vien dall'altra banda.

El gh'ha per certi casi la so porta segreta:

Se va in ti so mezai su per una scaleta.

DOROTEA:

Sior tocco de asenazzo, me cognosseu chi son?

SERVITORE:

Mo perché vala in collera? no la vol el padron?

DOROTEA:

Sior no; ghe xelo in casa?

SERVITORE:

Nol gh'è; poco el pol star.

Se la comanda gnente, ghe l'anderò a trovar.

DOROTEA:

(Bisogna che costù certo no me cognossa). (Da sé.)

SERVITORE:

La senta: donna Rosega la m'ha contà qualcossa:

Tra serva e servitor se pol passar de bala;

Cussì se fa pulito, se serve e no se fala.

DOROTEA:

No so quel che disè, matto da ligar.

(Meggio è che vaga via. No vôi far mormorar). (Da sé.)

SERVITORE:

Se la vol la padrona...

DOROTEA:

No, no me occorre più.

SERVITORE:

Oh za, me l'ho pensada, che l'al voleva lu.

DOROTEA:

Ma diseme, bel fio! cossa ha dito de mi

La serva de sta casa?

SERVITORE:

La m'ha dito cussì...

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License