Carlo Goldoni
La mascherata

ATTO SECONDO

SCENA DECIMA   Lucrezia e Beltrame

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Lucrezia e Beltrame

 

BELT.

Ed ancor mi corbella? Eh giuro al cielo,

Non voglio più soffrir.

LUCR.

Bella figura

Mi fa far un marito

Pieno d'inciviltà!

BELT.

Bei complimenti

Che mi fanno, signora, i suoi serventi!

LUCR.

Siete un uomo incivile.

BELT.

Siete un donna pazza.

LUCR.

Maledetta pur sia la vostra razza!

BELT.

La mia razza, signora, è bella e buona.

LUCR.

Oh razza... Deh non fate

Che il sangue mi si scaldi.

BELT.

No, non faccia;

Non si accenda il polmone.

LUCR.

Sì, sì, avete ragione;

Questo mi si conviene,

Perché a voi ho voluto troppo bene.

BELT.

E io, se non vi amassi,

Geloso non sarei,

E per vostra cagion non penerei.

LUCR.

Bell'amor!

BELT.

Bell'affetto!

LUCR.

Io mi sarei dal petto

Per voi levato il core.

BELT.

Il sangue istesso

Avrei sparso per voi.

LUCR.

Barbaro!

BELT.

Ingrata!

LUCR.

Son così maltrattata,

Perché... perché... so io.

BELT.

Perché son troppo buono, il torto è mio.

LUCR.

Non lo credevo mai,

Che un marito crudele... oimè! mi sento

Stringere il cor; non posso più.

BELT.

Che avete?

LUCR.

Via di qua.

BELT.

Che? piangete?

LUCR.

Via, lasciatemi stare.

Lasciatemi crepare.

BELT.

Oimè, Lucrezia!

LUCR.

Cane, cane, crudele.

BELT.

Oh moglie mia!

LUCR.

Mi volete voi bene?

BELT.

Ah sì, v'adoro.

LUCR.

Mi griderete più?

BELT.

No, mio tesoro.

 

LUCR.

Ahi, mi sento

Che il tormento

Mi fa ancora lacrimar!

BELT.

Gioia mia,

Più non fia

Che vi senta a sospirar.

LUCR.

Dite il ver, m'amate voi?

BELT.

V'amo, cara, e v'amerò.

LUCR.

Se mi amate,

Non gridate.

Voglio far quel che mi par.

BELT.

Ma, Lucrezia, questo poi...

LUCR.

Dite il ver, mi amate voi?

BELT.

V'amo, o cara, e v'amerò.

LUCR.

Se mi amate,

Non parlate.

Voglio andar dove mi par.

BELT.

Eh, non so...

LUCR.

Piangerò.

BELT.

Questo no...

LUCR.

Creperò.

BELT.

Lucrezina, deh non piangete;

Via, farete quel che vorrete;

Ed io mai non parlerò.

LUCR.

Beltramino, caro, carino,

Se sarete con me bonino,

Sempre, sempre v'amerò.

a due

Bel piacere al cor mi sento.

Più tormento in sen non ho. (partono)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License