Carlo Goldoni
Il mercato di Malmantile

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA   Rubiccone e Berto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Rubiccone e Berto

 

BER.

Affé, mi fa da ridere

La povera ragazza.

Si vede ben ch'è scimunita e pazza.

RUB.

Parla con riverenza:

Suo protettore io sono.

Se le perdi il rispetto, io ti bastono.

BER.

A me? Se mi toccate,

Vi rompo il cranio a forza di sassate.

RUB.

Villano impertinente.

BER.

Ciarlatano insolente.

RUB.

Son medico, briccon, non ciarlatano.

BER.

Ed io son contadino, e non villano.

RUB.

Vil feccia.

BER.

Gabbamondo.

RUB.

Così parli di me?

BER.

Così rispondo.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License