Carlo Goldoni
Il Moliere

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Valerio  e detti, poi Lesbino.

 

MOL.

Oh Valerio, Valerio! Venite alle mie braccia.

Che nuova mi recate?

VAL.

Ecco il real decreto,

Che revoca ed annulla il sofferto divieto.

MOL.

Oh me contento! Presto, ehi, chi è di ?

LESB.

Signore.

MOL.

Che s’esponga il cartello; s’inviti all’Impostore

Per questa sera: andate.

LESB.

Affè, ch’io son contento;

Gl’ipocriti averanno stasera il lor tormento. (parte)

MOL.

Presto, signora, andate a riveder le carte;

E a voi e a vostra figlia ripassate la parte.

BÉJ.

(Ah, voveder se puote assicurar la mia sorte.

L’acquisto d’uomo dotto e amabile in consorte). (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License