Carlo Goldoni
Monsieur Petition

PARTE SECONDA

SCENA PRIMA   Lindora sola.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PARTE SECONDA

 

SCENA PRIMA

 

Lindora sola.

 

 

Oh poveretta mi, l’ò fatta grossa!

O tiolto per mario

Sto monsù de Guascogna

Sperando de avanzar de condizion,

E son precipitada a tombolon.

Chi lo vede, s’inganna;

El ghà un abito eterno

Per l’istà e per l’inverno.

Una camisa sola col merletto,

E fin che ghe la lavo,

Perché nol ghe n’à altre, el resta in letto.

L’è sempre in complimenti,

L’è tutto mina e gala,

Farina bianca in testa,

E in casa, se ghe n’è, farina zala.

Eh quante volte l’apparenza inganna!

Quando che ste frascone

Le vede un paregin vestio all’usanza,

Le se ghe butta drio,

E po dopo le magna el pan pentio.

 

Putazze, se voggiose

Vu de maridarve,

Mi ve conseggio,

Per vostro meggio,

De no taccarve

A certe belle ciere,

Che colle so maniere

Alfin v’ingannarà.

Trovève un bon mario

De roba ben fornio,

E se l’è brutto

Cossa ve importa?

Disè co dise quello:

Za l’omo è sempre bello

Col gode sanità.

 

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License