Carlo Goldoni
Le morbinose

ATTO TERZO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

Bortolo e detti.

 

BORTOLO:

Se pol vegnir?

TONINA:

La vegna.

BORTOLO:

Nane? bon pro ve fazza.

ZANETTO:

Cossa diseu, compare? se volè, paron.

I ha volesto per forza...

BORTOLO:

Non abbiè suggizion.

Magné pur. I m'ha ditto, che qua ghe xe Bettina.

Xe vero? (A Tonina)

TONINA:

La ghe giera, ma de prima mattina.

BORTOLO:

E adesso saveu gnente in dove che la sia?

TONINA:

Mi no lo so dasseno. La giera in compagnia

Co so mare, le ho viste tutte do inmascherae.

Vàtela a catta ti, dove che le xe andae.

BORTOLO:

Gh'èla siora Marina?

TONINA:

No la ghgnanca ella.

BORTOLO:

Oh sta putta... per diana, che ghe la fazzo bella.

TONINA:

Eh caro sior, la putta no ghe n'ha colpa un bezzo

Xe causa quella mare.

BORTOLO:

Eh lo so che xe un pezzo.

TONINA:

Se mi gh'avesse un putto, co fa sior Bortoletto,

No me chiameria degna. Oh sìelo benedetto! (Piano a Bortolo.)

BORTOLO:

Dasseno?

TONINA:

In verità. Xe che mi son... cussì,

Daresto... Ma la senta, son civil anca mi. (Come sopra.)

BORTOLO:

Sentì, se la me salta, son capace de far

Quel che nissun al mondo se pol immaginar.

TONINA:

Bettina xe una frasca.

BORTOLO:

La gh'ha troppo morbin.

TONINA:

Bortolo, magneressi anca vu un bocconzin?

BORTOLO:

Magnar?

TONINA:

Se a sior Zanetto volè far compagnia,

Vago a torve qualcossa.

BORTOLO:

Quel che volè, fia mia.

TONINA:

No vôi miga... lo fazzo perché vedè el buon cuor.

(Sior sì, per devertirme vôi metterlo in saor). (Da sé, e parte.)

BORTOLO:

Xe che la xe una serva, daresto... Betta, Betta,

Ti me faressi far... causa siora Lucietta.

ZANETTO:

Amigo, me despiase che ho debotto fenio,

Ma certo un panimbrodo più bon non ho sentio.

BORTOLO:

Tonina vol che magna.

ZANETTO:

Cossa?

BORTOLO:

No saveria.

La vol che marendemo tutti do in compagnia.

ZANETTO:

Lassémo che la fazza. Co no ghe xe i paroni,

Le serve se la gode a spalle dei minchioni.

BORTOLO:

No vorria che vegnisse sior Luca o Marinetta.

ZANETTO:

Ghe l'ho ditto anca mi, ma al sentir sta spuzzetta

No la gh'ha suggizion.

BORTOLO:

Co la parla cussì,

La sa quel che la .

ZANETTO:

Cussì digo anca mi.

TONINA:

(con due piatti e un’altra posata.) Son qua vôi che magnémo do fette de persutto,

E un tantin de stuffà.

BORTOLO:

Brava.

ZANETTO:

Mi stago a tutto.

TONINA:

Via sentève, sior Bortolo.

BORTOLO:

E vu?

TONINA:

Mi no ghe penso.

ZANETTO:

Vegnì via. (A Tonina.)

TONINA:

Despenseme.

ZANETTO:

Oh, per mi ve despenso.

BORTOLO:

Me voleu ben, Tonina?

ZANETTO:

Tonina xe impegnada.

TONINA:

Con chi, patron?

ZANETTO:

Con mi.

TONINA:

Oh mandria gazzarada!

ZANETTO:

Sentìu? se nol savessi, imparè, Bortoletto

Quando che la strapazza, el xe un segno d'affetto.

BORTOLO:

Cara vu, strapazzème.

TONINA:

Tasè , sior perucca,

Che debotto ve digo sior stroppolo de zucca.

 

ZANETTO:

Sentìu? la ne vol ben. Semo do fortunai.

TONINA:

Oh scartozzi da pévere, fagotti mal ligai.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License