Carlo Goldoni
L'osteria della posta

ATTO UNICO

SCENA QUARTA   La Contessa, poi il Cameriere

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

La Contessa, poi il Cameriere

 

BEAT. Ehi, Cecchino. (stando sulla porta della sua camera) Cecchino. (chiamando più forte) Costui manca sempre al servizio; non può stare alla soggezione. Mio padre, stravagante in tutto, è stravagante anche in questo; soffre un servitore il più trascurato del mondo. Converrà ch'io esca, se voglio... Ehi! chi è di , c'è nessuno?

CAM. Comandi.

BEAT. Dov'è il nostro servitore?

CAM. È giù che dorme disteso sopra una panca, che non lo desterebbono le cannonate.

BEAT. Portatemi un bicchier d'acqua.

CAM. Subito. Dorme il signor Conte?

BEAT. Sì, dorme ancora.

CAM. Avrebbero difficoltà di pranzare in compagnia con altri due cavalieri?

BEAT. Quando si desterà mio padre, ne parlerete con lui.

CAM. Benissimo. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License