Carlo Goldoni
Ircana in Ispaan

ATTO QUINTO

Scena Ottava. Ircana (e detti)

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Ircana (e detti)

 

IRCANA: Eccomi, chi mi vuole?

MACHMUT: Son io che ti domanda,

Son io che in queste mura ancor regna e comanda;

Quello che il cuor del figlio solo governa e regge,

E che a te stessa intima elegger la tua sorte,Che d'una donna altera sdegna soffrir la legge;

O schiava contumace, o docile consorte.

IRCANA: Signor, la mia fierezza portata ho dalla culla:

Sposa non so cangiarmi, se tal fui da fanciulla;

Ma la fierezza mia non è, se dritto miri,

Effetto irragionevole di barbari deliri.

Dimmi: ne' primi giorni che tu mi avesti acerba,

Scorgesti me fra l'altre andar schiava superba?

Umile fui del pari colle più vili e abbiette;

Mi fur senza lagnarmi le tue catene accette;

E se costui che or vedi, non seduceami allora,

Serva sarei coll'altre, senza lagnarmi ancora.

M a se una donna è amata, se lusingar si vede,

Vile è colei che affetto di meritar non crede.

Pure, da sue lusinghe resa superba e vana,

Qual è il delitto alfine, di cui si aggrava Ircana?

Una colpa, e poi basta; Tamas fe' mio quel core:

Sola di quel ch'è mio, sola vogl'io l'onore.

Questa costante brama, questo desire onesto,

Fu il mio primiero incanto, e mi condusse al resto.

Un'altra donna in mezzo di gelosia ai deliri,

Sfogata da se stessa si avria con li sospiri.

Io sospirar non posso, non son vile a tal segno:

Di lagrimare in vece, accendomi di sdegno.

Lo sdegno mio mi porta sino alle stragi in seno,

Ma non smarrisco il dritto, né la ragion vien meno.

Dopo sventure tante stringere al sen mi lice

Il caro sposo, è vero; esser dovrei felice.

Della virtù di Fatima prove ho sicure, il veggo:

So che l'insulto a torto, ma al mio timor non reggo.

Odio ho contro me stessa pel mio sospetto insano:

Tentai dal sen scacciarlo, ma l'ho tentato invano.

Se di partire intimo al figlio tuo che adoro,

A costo di arrischiare la vita e il mio decoro,

Questo pensarstrano, questa passion, che credi?

Parla giustizia in questo in me più che non vedi.

So che a ragion per Fatima il tuo dover s'impegna,

So che il volerla esclusa è pretensione indegna.

Viver con lei non posso, trarla da te non bramo;

Per evitare il peggio, dico allo sposo: andiamo.

S'ei di venir ricusa, se tu il contrasti e il nieghi,

Vano sarà ch'io parli, vano sarà ch'io prieghi.

Tamas sa il mio disegno: o fuor di queste porte,

O tolgami di pene la mia, non la sua morte.

Ogni ragion invano mi parla e mi consola;

O che al partir mi affretto, o che qui resto io sola.

MACHMUT: (Ah col rigor si tenta di riparare invano...)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License