Carlo Goldoni
Ircana in Julfa

ATTO QUINTO

Scena Prima. Tamas solo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO QUINTO

 

Scena Prima. Tamas solo

 

Giardino in casa di Demetrio.

 

TAMAS Pria che ricada il sole all'occidente in seno

Vedessi un'altra volta i suoi begli occhi almeno!

Dir le potessi almeno io stesso in vicinanza,

Quella che Alì mi porse dolcissima speranza.

Queste son di Demetrio le soglie ed i giardini;

Potei non osservato passar ne' suoi confini.

Non vorrei si sdegnasse con lei, con me il signore;

Ma so ch'uomo è gentile, so che pietoso ha il core.

Amor mi ha ricondotto, amor che non mi lascia

Mai respirar in pace dal dolor, dall'ambascia.

Render suol ciechi un cieco i suoi tristi seguaci;

Ed avvilisce i forti, e fa i più vili audaci.

Odo venir. Chi fia? Donne son. Non isvelo

Tra le femmine Ircana. Fra le piante mi celo. (si ritira)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License