Carlo Goldoni
Pamela nubile

ATTO PRIMO

SCENA XVIII   Monsieur Longman e detta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA XVIII

 

Monsieur Longman e detta.

 

LON. Pamela?

PAM. Signore.

LON. Piangete forse?

PAM. Ah pur troppo!

LON. Le vostre lagrime mi piombano sul cuore.

PAM. Siete pur buono; siete pur amoroso!

LON. Cara Pamela, siete pur adorabile.

PAM. Ah, monsieur Longman, non ci vedremo più!

LON. Possibile?

PAM. Il mio padrone mi manda a servire Miledi sua sorella.

LON. Con Miledi, cara Pamela, non ci starete.

PAM. Andrò a star con mio padre.

LON. In campagna?

PAM. Sì, in campagna, a lavorare i terreni.

LON. Con quelle care manine?

PAM. Bisogna uniformarsi al destino.

LON. (Mi muove a pietà.)

PAM. Che avete che piangete?

LON. Ah Pamela! Piango per causa vostra.

PAM. Il cielo benedica il vostro bel cuore. Deh, fatemi questa grazia. Incamminatemi questa lettera al paese de' miei genitori.

LON. Volentieri; fidatevi di me, che anderà sicura. Ma, oh Dio! E avete cuore di lasciarci?

PAM. Credetemi, che mi sento morire.

LON. Ah fanciulla mia!...

PAM. Che volete voi dirmi?

LON. Son troppo vecchio.

PAM. Siete tanto più venerabile.

LON. Ditemi, cara, prendereste marito?

PAM. Difficilmente lo prenderei.

LON. Perchè difficilmente?

PAM. Perchè il mio genio non s'accorda colla mia condizione.

LON. Se vi aveste a legare col matrimonio, a chi inclinereste voi?

PAM. Sento gente. Sarà madama Jevre.

LON. Pamela, parleremo di ciò con più comodo.

PAM. Può essere che non ci resti più tempo di farlo.

LON. Perchè?

PAM. Perchè forse avanti sera me n'anderò.

LON. Non risolvete così a precipizio.

PAM. Ecco Miledi con madama Jevre.

LON. Pamela, non partite senza parlare con me.

PAM. Procurerò di vedervi.

LON. (Ah, se avessi vent'anni di meno!) A rivederci, figliuola.

PAM. Il cielo vi conservi sano.

LON. Il cielo vi benedica. (parte)

PAM. Povero vecchio! Mi ama veramente di cuore. Anche il padrone mi ama. Ah che differenza di amare! Monsieur Longman mi ama con innocenza; il padrone mi ama per rovinarmi. Oimè! Quando uscirò da questa casa fatale?

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License