Carlo Goldoni
Pamela nubile

ATTO SECONDO

SCENA IV   Madama Jevre e detto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA IV

 

Madama Jevre e detto.

 

JEV. Signore, vi sembra ancor tempo di liberarmi di carcere?

BON. Dov'è Pamela?

JEV. È in quella camera che piange, sospira e trema.

BON. Trema? Di che ha ella paura?

JEV. Di voi, che siete peggio di Satanasso.

BON. Le ho fatto io qualche ingiuria?

JEV. Voi non vi conoscete.

BON. Che vorreste voi dire?

JEV. Quando siete in collera, fate paura a mezzo mondo.

BON. La mia collera è figlia dell'amor mio.

JEV. Maledetto amore!

BON. Dite a Pamela che venga qui.

JEV. Ma che cosa volete da quella povera figliuola?

BON. Le voglio parlare.

JEV. E non altro?

BON. E non altro.

JEV. Posso fidarmi?

BON. L'onestà di Pamela merita ogni rispetto.

JEV. Che siate benedetto! Ora la faccio venire. (si allontana un poco, poi torna indietro) Ma ehi, signor padrone, non vorrei che mirando Pamela, la sua bellezza vi facesse scordare della sua onestà.

BON. Jevre, non mi stancate. O qui venga Pamela, o io vado da lei.

JEV. No, no; la farò venir qui. (In quella camera vi si vede poco).

BON. Ecco il terribil punto, in cui ho da imparare la gran virtù di superare me stesso.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License