Carlo Goldoni
Il padre per amore

ATTO SECONDO

SCENA QUINTA   Paolina e donna Marianna

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Paolina e donna Marianna.

 

PAO.

Udiste?

MARI.

Il cavaliere ricevere tu dei:

Principia destramente parlar de' fatti miei.

Fingiti un mio congiunto, a lui da me mandato

A chiedergli ragione d'avermi abbandonato.

Sentiam dalla sua voce, se meco è sconoscente,

O se udendo il mio nome, quel perfido si pente.

S'egli ti parla ardito, rispondi con orgoglio.

PAO.

Signora voi volete mettermi in un imbroglio.

MARI.

Non dubitar di nulla, ch'io veglierò in disparte.

Usa, per compiacermi, usa l'ingegno e l'arte.

Vedo venir l'ingrato. M'accende il mio furore;

Ma pria d'usar lo sdegno, vuò discoprir quel core. (si ritira)

PAO.

Eh, per la mia padrona veggo l'affar finito.

Che può sperar dal Duca d'altra beltà invaghito?

Eccolo; pagherei non essermi impicciata,

Ma se di no le dico, la veggo indiavolata.

Basta, quel che ho da fare lo spiccio presto presto;

Ed a lei, se m'imbroglio, lascio compire il resto.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License