Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO PRIMO

Scena Prima. Checchina a sedere nel mezzo, Beatrice ed Eleonora a sedere vicino a Checchina, donna Sgualda appresso a Beatrice, e donna Catte appresso ad Eleonora

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

 

Scena Prima. Checchina a sedere nel mezzo, Beatrice ed Eleonora a sedere vicino a Checchina, donna Sgualda appresso a Beatrice, e donna Catte appresso ad Eleonora

 

Camera di Checchina.

 

Beatrice - Via, sposina, state allegra.

Eleonora - Questa per voi è una giornata felice.

Checchina - Oh siora sì, no vorla che staga aliegra? Son novizza.

Donna Sgualda - Oe, zermana, quando vienlo sto to novizzo?

Checchina - Sior pare ha dito che adessadesso el vien.

Donna Catte - Oe, Checca, to compare t'alo mandà la banda?1

Checchina - Gnanca un fior nol m'ha mandà.

Donna Catte - Oh che spilorza2 che el xe!

Donna Sgualda - T'alo mandà confetti?

Checchina - Gnanca un fià de tossego3.

Donna Sgualda - Oh che arsura!4 Va , che ti gh'ha un bel compare.

Beatrice - E per questo? Perché il signor Pantalone non manda, non spende, non è un galantuomo? Gran lingue avete voi altre donne.

Donna Sgualda - Oh la varda, cara ella, che la nostra lengua no sarà compagna della soa.

Eleonora - Mi pare che dovreste avere un poco di rispetto per le persone civili.

Donna Sgualda - Catte, cossa distu? Astu sentìo?

Donna Catte - Oh che caldo! Me vien su le fumane de Pasqua matta.

Checchina - Oe, zermane, voleu aver giudizio?

Donna Sgualda - Quando vienlo sto to novizzo? Catte, aria.

Donna Catte - Gnanca in te la mente.

Beatrice - Donna Sgualda, perché non andate a vendere i vostri abiti vecchi e le vostre galanterie?

Donna Sgualda - Ancuo no vendo, la veda, lustrissima; gh'ho da magnar, sala, siben che no vendo.

Eleonora - E voi oggi non lavate? (a Catte)

Donna Catte - Oh, no la s'indubita che le so strazze de camise le sarà lavae.

Eleonora - Come parlate? Mi parete una impertinente.

Donna Catte - Sgualda, Sgualda, se scalda i ferri.

Eleonora - Orsù, Checca mia, voi mi avete invitata alle vostre nozze, ed io, e per la vicinanza, e perché voglio bene a Beppo, che è figlio del mio fattore, ci sono venuta; ma con questa sorta di gente io non voglio addomesticarmi.

Checchina - Cara lustrissima, no la vaga via.

Donna Catte - Oe Sgualda, tìrete in , che no ti la insporchi.

Donna Sgualda - Oh, che cara matta che ti xe. (s'allontanano un poco)

Beatrice - Noi siamo qui per far a Checchina, e voi abbiate creanza.

Donna Sgualda - Pàrlela co mi?

Beatrice - Sì, con voi.

Donna Sgualda - Catte, la parla co mi, sastu?

Donna Catte - No ti ghe sa responder?

Checchina - Voleu taser?

Donna Catte - Oe, vien el novizzo.

Checchina - E ghe xe mio pare, e ghe xe sior compare.

 

 





p. -
1 La banda: fiori per adornarsi una parte del capo e una parte del seno



2 spilorza: spilorcio.



3 tossego: tossico.



4 Oh… arsura: spiantato.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License