Carlo Goldoni
I pettegolezzi delle donne

ATTO SECONDO

Scena Quindicesima. Beatrice, Eleonora, poi Anzoletta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quindicesima. Beatrice, Eleonora, poi Anzoletta

 

Beatrice - Il povero Lelio è rimasto mortificato.

Eleonora - Io non ho altro gusto che farlo disperare.

Beatrice - Bisogna dargliene una buona e quattro cattive.

Anzoletta - Lustrissima, un bel servizio che la m'ha fatto; andar a dir a Checca, che mi gh'ho dito che no la xe fia de paron Toni! (a Beatrice)

Beatrice - Io l'ho dovuto dire per giustificarmi.

Anzoletta - Brava! E po i dirà che nualtre semo pettegole. Me par che anca le lustrissime no le possa taser.

Eleonora - Ma che male vi è? Avete paura di Checca?

Anzoletta - Mi no gh'ho paura, ma son una povera putta, che no gh'ha bisogno de pettegolezzi.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License