Carlo Goldoni
L'amante militare

ATTO SECONDO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Don Garzia e Corallina

 

COR. (Io non posso vedere far male a una mosca). (da sé)

GAR. Bella giovane, siete voi la cameriera?

COR. Per servirla.

GAR. Dite alla vostra padrona, che sia con me meno austera.

COR. Sì signore, la servirò.

GAR. Dite, che se farà stima di me, non si pentirà d’avermi mandato del pari con don Alonso.

COR. Ho capito.

GAR. E voi non perderete il vostro tempo.

COR. Eh, benissimo.

GAR. Sentite, non fo per lodarmi, ma son generoso con le donne.

COR. Oh, me l’immagino. (Se gli potessi cavar di sotto qualche cosa!) (da sé)

GAR. Prendete tabacco? (tira fuori la tabacchiera d’argento)

COR. Sì signore, quando ne ho.

GAR. Sentite questo, vi piace? (offerisce tabacco a Corallina)

COR. Oh buono! È proprio di quello che piace a me.

GAR. Avete la tabacchiera?

COR. Guardi, ho questa porcheria. (ne mostra una cattiva)

GAR. Lasciate vedere.

COR. Eccola. (Ora mi dona la sua d’argento). (da sé; don Garzia mette un poco di tabacco nella scatola di Corallina, e poi gliela )

GAR. Eccovi quattro prese del mio tabacco.

COR. Oh, la ringrazio. (Bel regalo! Principiamo bene). (da sé)

GAR. Questo non è niente. Vedrete quel che io farò per voi. Come vi chiamate?

COR. Corallina.

GAR. Corallina mia cara, mi piacete, e se mi vorrete bene, farete la vostra fortuna.

COR. Oh, io non merito che vossignoria...

GAR. In verità non ho veduto una donna che mi piaccia più di voi.

COR. Ella mi mortifica.

GAR. Avete due occhi che incantano.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License