Carlo Goldoni
Componimenti poetici

POESIE GIOVANILI E POESIE DIVERSE FINO AL 1748

Prendendo la laurea di filosofia e medicina il sig. Sebastiano Rovida sotto gli auspici dell’ill.mo sig. Giuseppe Caccia dottor di medicina. Si allude all’aquila gentilizia del candidato, ed alla persona del mecenate

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Prendendo la laurea di filosofia e medicina il sig. Sebastiano Rovida

sotto gli auspici dell’ill.mo sig. Giuseppe Caccia dottor di medicina.

Si allude all’aquila gentilizia del candidato, ed alla persona del mecenate

 

Rovida, il sprezzator d’ogni riposo,

Del Tesin su le sponde un sedea;

Ridean l’erbette, e mormorar parea

Sensi di saggio onor quel centro ondoso,

Quando la Gloria l’invitò animoso

Di Giuseppe a imitar la grande idea;

Ed ei, non ha per tanto sol, dicea,

Occhi l’Aquila mia sì coraggioso.

Eh non temer, la Dea soggiunse allora,

Che se per lui m’adoperai cotanto,

Per te non men faticherommi ancora.

Prendi questa d’allor corona intanto,

E ti prometto, ch’averci or ora

Ugual merto, ugual premio, ed ugual vanto.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License